iscrizionenewslettergif
Economia

Negozi storici: ancora pochi giorni per il riconoscimento dalla Regione

Di Redazione17 giugno 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il Sentierone (foto Daniele Caltabiano)

Il Sentierone (foto Daniele Caltabiano)

Si avvicina il termine di scadenza per la presentazione delle domande di riconoscimento dei negozi, locali e mercati storici, fissato per il 30 giugno.

Il riconoscimento permette alle attività commerciali di essere inserite nel Registro regionale dei luoghi storici del commercio in Lombardia.

La scadenza interessa anche i 57 negozi bergamaschi che hanno ottenuto negli scorsi anni l’individuazione regionale, in quanto, dato che la Regione ha stabilito una nuova classificazione, dovranno chiedere di confermare il mantenimento dei requisiti previsti o farsi assegnare una nuova tipologie di classificazione.

La nuova classificazione definisce “storica” quelle attività che negli ultimi 50 anni hanno mantenuto una continuità dell’insegna, dello stile di gestione e della merceologia offerta. “Negozio/locale storico” quelle che presenteranno anche una collocazione architettonica, artistica e decorativa di pregio, attrezzature storiche e una merceologia tipica e di assoluto rilievo. “Insegna storica e di tradizione” i negozi che, in aggiunta alle caratteristiche sopra indicate, manterranno una valenza culturale o saranno ubicate in contesti di storica ambientazione.

L’Ascom offre un servizio di supporto e assistenza per la presentazione cartacea e online delle richieste, facendosi carico di trasmettere e presentare in Regione la documentazione richiesta.

L’iscrizione al Registro regionale che celebra le attività tradizionali lombarde, sarà requisito necessario per la partecipazione a eventuali bandi di sostegno e progetti di valorizzazione attivati dalla Regione Lombardia dedicati alle attività storiche.

Per maggiori informazioni sugli adempimenti delle richieste, i commercianti interessati possono rivolgersi allo sportello Ascom (0354120320)

Crisi Miti: i sindacati chiedono un incontro agli enti locali

Sempre più nera la situazione dei lavoratori nel tessile ZOGNO -- Dopo lo sciopero con presidio di giovedì scorso, ora i sindacati bussano alla ...

Confindustria: Pil a -4,9 per cento e “ripresina” nel 2010

il settore dell'auto è fra i più penalizzati dalla crisi I dati, in una situazione normale, farebbero rabbrividire. Ma in tempo di crisi stimolano a ...