iscrizionenewslettergif
Sebino

Operaio muore schiacciato da tubi di ferro

Di Redazione17 giugno 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
L'interno dell'autoambulanza, ma per il poveretto non c'è stato nulla da fare

L'interno dell'autoambulanza, ma per il poveretto non c'è stato nulla da fare

SOVERE — Ennesimo incidente sul lavoro che si conclude in maniera tragica. Questa mattina, intorno a mezzogiorno, un operaio di 53 anni originario della Valcamonica è morto travolto da un pesante cilindro di ferro, all’azienda siderurgica Elti di Sovere.

L’azienda, che ha sede in via Nazionale, produce forni industriali. Stando alla prima ricostruzione dei Carabinieri giunti sul posto poco dopo l’incidente, l’operaio stava spostando della grosse barre di ferro. Per cause in corso d’accertamento una di queste è sfuggita al suo controllo e lo ha travolto, schiacciandolo.

Inutile la corsa dei soccorritori del 118. Le condizioni dell’operaio sono parse subito disperate. L’uomo è deceduto nonostante diversi tentativi di rianimazione.

Sul posto sono arrivati anche i vigili del fuoco e i tecnici dell’Asl che dovranno verificare la presenza e il funzionamento degli apparati di sicurezza dell’azienda.

Si tratta del secondo incidente mortale sul lavoro in tre giorni. L’altro ieri, a Costa Volpino, un 52enne era morto a Costa Volpino, travolto scaricava tubi di ferro da un camion.

Rullo compressore incustodito travolge operaio

Un rullo compressore stradale simile a quello lasciato incustodito PARZANICA -- Secondo grave incidete sul lavoro nel giro di due giorni in Bergamasca. Stavolta ...

Infortuni sul lavoro a Sarnico e Costa Volpino

infortuni SARNICO -- Non si interrompe la triste sequela degli incidenti sul lavoro. Ieri pomeriggio a ...