iscrizionenewslettergif
Bergamo

Uccise connazionale a coltellate: egiziano condannato a 27 anni

Di Redazione13 giugno 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La sede del Tribunale di Bergamo

La sede del Tribunale di Bergamo

CENTRO CITTA’ — Dopo tre ore di camera di consiglio la Corte d’assise del Tribunale di Bergamo si è pronunciata ed ha accolto in pieno le richieste del pubblico ministero Letizia Ruggeri: 27 anni di carcere per l’egiziano che nel 2007 aveva ucciso a coltellate un suo connazionale a Boltiere.

Ricorderete la vicenda. Il 14 agosto del 2007 Helmy Sayed Alì Mahmoud, aveva colpito a morte con diverse coltellate il connazionale Tawfik Mahamed Abdallah Ismailil e lo aveva derubato di migliaia di euro.

Mahmoud era già stato condannato a 25 anni per l’omicidio di un secondo connazionale a Ciserano nell’ottobre 2007.

Stavolta i giudici gli hanno dato 27 anni come richiesto dal pubblico ministero. Il processo si è combattuto intorno all’impronta insanguinata di un tallone, trovata su un lenzuolo vicino al cadavere.

La difesa, retta dall’avvocato Daniela Serughetti, che ha sostituito a fine maggio i rinuciatari Cesare e Leandro Di Cintio, nella sua arringa ha parlato di fatti non totalmente dimostrati e chiesto l’assoluzione con formula dubitativa.

Lunedì presidio dei lavoratori Frattini davanti a Confindustria

I lavoratori in piazza per difendere il loro posto di lavoro CENTRO CITTA' -- Dopo la mobilitazione di martedì scorso, i lavoratori della Frattini spa di ...

Frattini, nuovo corteo di protesta davanti agli Industriali

La sede di Confindustria, in via Camozzi CENTRO CITTA' -- Continuano le proteste dei lavoratori della Frattini Spa di Seriate. Questa mattina ...