iscrizionenewslettergif
Economia

Mazzoleni (Confindustria): concretezza per uscire dalla crisi

Di Redazione6 giugno 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

indPer uscire dalla difficile crisi che sta colpendo anche l’economia bergamasca servono iniziative forti e coesione sociale, dialogo e orientamenti condivisi. Sono queste, in sintesi,le linee programmatiche annunciate ieri dal nuovo presidente di Confindustria Bergamo, Carlo Mazzoleni, davanti all’assemblea degli iscritti.  

Visto lo stato in cui versano diverse aziende e interi comparti dell’industria orobica, non c’è un secondo da perdere. E così Mazzoleni ha presentato subito la squadra che lo affiancherà in questo difficile tentativo di risollevare le sorti del nostro settore produttivo. 

Un compito arduo, a dire il vero. Che potrebbe essere vanificato se anche altre realtà importanti – come la politica, le parti sociali, i lavoratori stessi – non contribuiranno, per quanto compete loro, a un progetto di rilancio. 

Intanto Confindustria schiera i suoi uomini. Gianluigi Viscardi, della Cosberg SpA, è il nuovo vicepresidente. Carica acquisita di diritto, come da statuto, in quanto presidente del Comitato della piccola industria. 

Silvio Albini del Cotonificio Albini, sarà il vicepresidente con delega ai rapporti sindacali. Ad Ercole Galizzi della Argomm SpA, è andata la delega alle attività e ai progetti per sostenere la competitività di imprese e territorio. 

Stefano Scaglia, già vicepresidente nella giunta retta da Alberto Barcella, invece manterrà l’innovazione tecnologica. La squadra è stata allargata al presidente del gruppo Giovani imprenditori Gianmarco Gabrieli, dei Pinco Pallino.

Fiera: mostra espositiva della Bcc Bergamasca

La fiera di Bergamo Dal 5 al 7 giugno, la Fiera di Bergamo ospita la terza edizione della Mostra ...

Devolvere un’ora ai lavoratori in difficoltà: i sindacati aderiscono al Fondo anticrisi

Una manifestazione dei lavoratori precari (courtesy www.cgil.bg.it) La crisi economica sta falciando migliaia di posti di lavoro anche in Bergamasca. I lavoratori ...