iscrizionenewslettergif
Cultura

Un “mostro di Loch Ness” viveva nella Manica

Di Redazione3 giugno 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Nella ricostruzione, un plesiosauro impegnato al pasto

Nella ricostruzione, un plesiosauro impegnato al pasto

Dalla ricostruzione, sembra molto al mostro di Loch Ness. Solo che invece di vivere in Scozia frequentava il tratto di mare del canale della Manica, 800 chilometri più a sud. Si tratta di un esemplare di dinosauro trovato dalla paleontologa Tracey Marler, quasi per caso.

Qualche mese fa, perlustrando la spiaggia di Monmouth Beach alla ricerca di fossili, l’esperta si è imbattuta in una roccia dall’aspetto curioso. Dopo aver consultato il marito Chris Moore, anch’egli paleontologo, è giunta alla conclusione che si trattava dello scheletro di un plesiosauro enorme, vissuto sulle spiagge della contea del Dorset, in Inghilterra, nel periodo giurassico, tra 150 e 200 milioni di anni fa. 

Un animale di 5 metri di lunghezza (ma poteva arrivare fino a 15), dalle fattezze pressoché identiche al più celebre “Nessie”. Collo lungo e sottile, testa piccola, zampe pinnate e denti affilati. Grande nuotatore, si nutriva di polpi e pesci e il cibo salato.

I suoi resti verranno esposti al Lyme Regis Museum. Già in passato, in questo tratto di costa, erano venuti alla luce altri resti di plesiosauro, tanto che la zona era stata soprannominata “Jurassic Coast”. Stavolta, però, la ricostruzione però mostrerà uno scheletro integro al 70 per cento, composto da circa 150 ossa, gran parte delle quali in buono stata di conservazione. Fra cui anche i segni del morso di un altro rettile di grosse dimensioni, quale potrebbe quello di un ittiosauro, carnivoro e aggressivo.   

La scoperta, ovviamente, ha rilanciato il mito di Loch Ness, esploso nel 1934 sulla base di alcuni avvistamenti in un lago della Scozia. Dei dieci ritrovamenti di plesiosauri finora realizzati, uno è avvenuto proprio vicino al lago scozzese. E’ stato il pensionato Gerald McSorley, di Stirling (Scozia), durante una passeggiata, a inciampare in un fossile del giurassico. Erano quattro vertebre di grosse dimensioni, complete di midollo spinale e vasi sanguigni, perfettamente conservate in un blocco di calcare. Quelle di Nessie?

Sono otto le lingue antiche ancora da decifrare

Il celebre Disco di Festo Nascondono un pezzo di storia dell'umanità che ancora non siamo riusciti a decifrare. Gli esperti ...

Scoperti in Spagna resti di un nuovo antenato dell’uomo

Una ricostruzione di LlucGrande scoperta nel campo della storia dell'evoluzione. E' stato ritrovato in Spagna Lluc, un ominide ...