iscrizionenewslettergif
Salute

L’elisir di lunga vita? Sposare una donna più giovane

Di Redazione3 giugno 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il magnate Hugh Hefner potrebbe essere il simbolo di questa ricerca

Il magnate Hugh Hefner potrebbe essere il simbolo di questa ricerca

Gli uomini che sposano donne giovani vivono di più. Bella scoperta, direte voi. Solo che, quanto è già noto nella coscienza popolare, ora ha anche una conferma scientifica.

Arriva direttamente da una ricerca del Max Planck Institute for Demographic Research di Rostock, uno dei più importanti centri di ricerca demografica al mondo. In un articolo pubblicato sulla rivista online dell’istituto, lo scienziato Sven Drefahl ha presentato un suo lungo studio intitolato “How does the age Gap between Partners affect their survival” (come la differenza di età tra partner influenza la sopravvivenza).

Ebbene, stando ai risultati gli uomini che sposano una donna più giovane hanno, statisticamente parlando, più probabilità di raggiungere la vecchiaia senza problemi. Al contrario, per le donne sarebbe meglio unirsi in matrimonio con un coetaneo. Ma si sa, non è certo l’età anagrafica a fare la felicità di un matrimonio.

Certo lo studio ha basi scientifiche. Ha preso in esame le persone decedute in Danimarca tra il 1990 e 2005. Stando ai dati, gli uomini legati a donne più giovani d’una decina d’anni avrebbero il 10 per cento in meno delle possibilità di morire prematuramente. Addirittura il 20 per cento se la differenza con la consorte è di 15-17 anni.

Come si spiega? Qualcuno parla di selezione naturale: ovvero uomini più grandi – in salute e di successo – attraggono spesso donne più giovani. Altri dicono che una donna giovane potrebbe essere più efficiente nel prendersi cura di un partner anziano. Altri ancora, invece, la mettono in psicologia: avere una donna molto più giovane accanto trasmette spesso energia e voglia di vivere.

Certo è che se agli uomini questo allunga la vita, alle donne la accorcia. Le statistiche presentate da Drehal sono spietate. Le donne che hanno 7-9 anni in meno del compagno hanno il 20 per cento di possibilità in più di morire prematuramente. Percentuale che arriva al 30 per cento se la differenza di età tocca i 15-17 anni. Dal punto di vista della salute fisica, dunque, per una donna è meglio sposare un uomo che suppergiù ha la sua età. Il problema, ironizza qualcuno, è trovarne uno che non sia affetto da sindrome di Peter Pan.

Scoperta molecola che ripara danni cerebrali

Un'immagine del cervelloGrande scoperta in campo medico. Alcuni scienziati australiani hanno identificato una molecola in grado di ...

Reni: sperimentato nuovo farmaco anti-tumore

Grossi passi avanti nella sperimentazione del pazopanib Fa ben sperare la sperimentazione del pazopanib, un nuovo farmaco antiangiogenico che ridurrebbe di molto ...