iscrizionenewslettergif
Sport

Giro: a Bergamo vince Siutsou, Di Luca resta in rosa

Di Redazione16 maggio 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La carica del bielorusso Siutsou (immagine di repertorio)

La carica del bielorusso Siutsou (immagine di repertorio)

BERGAMO — Con uno scatto fulminante, all’altezza di Albino, ha fatto il vuoto dietro di sè. Poi ha tenuto gli inseguitori a distanza, anche sul terribile strappo della Boccola e alla fine è arrivato da solo sul traguardo in centro città. Il bielourusso Costantin Siutsou ha vinto la tappa bergamasca del Giro d’Italia.

Siutsou conosce molto bene le strade della provincia di Bergamo. L’atleta dell’est risiede infatti a Villongo. Ieri ha colto l’occasione per piazzare la sua prima vittoria al Giro in carriera.

Sul traguardo di Piazza Matteotti ha preceduto il norvegese Edvald Boasson Hagen, suo compagno di squadra, la maglia rosa Danilo Di Luca e l’australiano Michael Rogers.

Con questo risultato il Team Columbia piazza tre corridori nei primi quattro posti. La maglia rosa resta a Di Luca che ha 13 secondi di vantaggio su Lovkvist, 44 su Rogers, 51 su Leipheimer, 58 su Menchov e un minuto e 14 su Ivan Basso.

Migliorano intanto le condizioni di Pedro Horrillo (della Rabobank). Lo spagnolo è caduto in discesa dal Culmine di San Pietro, finendo fuori strada e cadendo in un burrone. Un volo di 70 metri che gli è costato un grave trauma cranico e toracico, oltre a numerose fratture, di cui una esposta al femore. Il corridore si trova ricoverato agli Ospedali riuniti di Bergamo. Il ciclista è in prognosi riservata ma per fortuna non in pericolo di vita. L’atleta è intubato e ha ripreso conoscenza. Nei prossimi giorni verrà operato.

E’ il giorno del Giro: Bergamo si tinge di rosa

Al centro la maglia rosa Danilo Di Luca BERGAMO -- Una carovana in rosa ha già invaso fin dalle prime ore del mattino ...

Juve-Atalanta finisce 2-2 con cinque traverse

Super-lavoro per il portiere della Juve Gigi Buffon TORINO -- Una partita per certi versi surreale. Giocata in uno stadio gigantesco ma vuoto, ...