iscrizionenewslettergif
Tempo libero

Tesla Roadster: l’auto elettrica diventa supercar

Di Redazione24 aprile 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La rivoluzionaria Tesla Roadster

La rivoluzionaria Tesla Roadster

E’ una delle novità più attese nel settore delle supercar. E una vettura straordinaria lo è davvero la Tesla Roadster, bolide ecologico esclusivo, finanziato dai padri di Google, Sergey Brin e Larry Page, e dal cofondatore di PayPal, Elon Musk.

L’auto – dalle caratteristiche davvero strabilianti – verrà presentata in prima nazionale al Solar Expo di Verona, in programma dal 7 al 9 maggio grazie alla Energy Resources, azienda leader nel settore delle energie rinnovabili.

Si tratta di una vettura davvero particolare. Come il sistema di vendita: l’ufficio commerciale per l’Europa è a Londra, mentre il responsabile Tesla per il mercato italiano è a Montecarlo. In Italia verranno consegnate a domicilio 25 Tesla nel 2009 e 90 nel 2010. Prezzo, non proprio abbordabile: 99mila euro, iva esclusa, per la base, 108mila per la più potente versione S.

Versione S che detto per inciso accelera più velocemente di una Ferrari 599. Da 0 a 100 km/h in soli 3,9 secondi (addirittura in 3,7, per la Roadster S). E dire che il motore è completamente elettrico. Con un solo rotore, peraltro potentissimo, la Tesla Roadster riesci a scaricare cavalli in abbondanza sul terreno e con una manutenzione minima rispetto ai propulcori della supercar tradizionali.

La macchina è stata progettata nella Silicon Valley e l’azienda è americana al cento per cento. La produzione è stata affidata alla Lotus inglese. Mentre i disegni sono stati messi a punto dalla nostra Dallara. Ne è uscita una vettura dalle prestazioni davvero eccezionali. Anche dal punto di vista dell’autonomia. Con batterie agli ioni di litio, che consentono un’autonomia di ben 400 chilometri.

Già, le batterie il punto di debolezza di ogni auto elettrica. E invece no, nelle Tesla, grazie alla tecnologia sono le più grandi e avanzate del mondo, nate dall’unione di tantissime piccole batterie. Sono loro a fornire tanta energia per il motore, che qui pesa appena 52 kg ed ha un rendimento dichiarato dall’85 al 95 per cento.

Quest’auto elettrica è un missile, già finito nei garage di George Clooney, Arnold Schwarzenegger e Matt Damon. Per scaricare a terra siffatta potenza e ottenere queste impressionanti accelerazioni è stato inventato un cambio a velocità singola che abbina il rendimento della trasmissione manuale alla facilità di guida di un’automatica. La Tesla Roadster ha infatti una sola marcia avanti e non ha il pedale della frizione: basta muovere la leva del cambio ed il Power electronics module (Pem) si prenderà cura di tutto.

Proprio il Pem è il cuore di tutto. Sulla Tesla tutto è elettronico e sotto controllo dei software. Il PEM controllo la coppia motrice, lo stato di carica, la frenata rigenerativa, il voltaggio erogato dalla batteria, la velocità di rotazione del motore, e le temperature del motore e dell’elettronica.

Nuovi sistemi per ridurre i danni ai pedoni

Schema di funzionamento dei nuovi sensori L'obiettivo è ambizioso: ridurre il numero (enorme) dei pedoni morti ogni investiti dalle auto. Per ...

Nasce la prima autostrada per auto a idrogeno

Dalla Norvegia un grande passo verso il futuro a idrogeno Dodici distributori a idrogeno, su un percorso di 580 chilometri. Batte bandiera norvegese la prima ...