iscrizionenewslettergif
Bergamo

Polizia arresta latitante tunisino in fuga da 4 mesi

Di Redazione17 marzo 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Una volante della Polizia impegnata in un'azione

Una volante della Polizia impegnata in un'azione

CENTRO CITTA’ — La Polizia di Bergamo ha arrestato un extracomunitario ricercato da 4 mesi. L’uomo – un 35enne di origine tunisina – è stato bloccato da una volante della Polizia durante un controllo avvenuto in via Previtali nella notte fra lunedì e martedì.

Il tunisino si trovava a bordo di un’auto con la fidanzata e un bergamasco di 37 anni, anch’essi con precedenti penali. Nella successiva perquisizione dell’appartamento in via Quarenghi che condivideva con la donna gli agenti hanno trovato alcuni grammi di cocaina, eroina e hashish. I due sono stati denunciati a piede libero in concorso per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio.

Quando l’uomo è stato portato in questura. E qui i poliziotti hanno scoperto che si trattava di un latitante che i poliziotti andavano cercando da tempo e che aveva cambiato nome. Sul suo capo pende una condanna a 4 anni di reclusione emessa dal Tribunale di Bergamo per aver accoltellato un compagno di cella, durante una permanenza in carcere.

Il fatto risale al 30 luglio 2002, Quando il tunisino – che si trovava in prigione per reati di droga – aveva sfregiato un altro detenuto.

Condannato per quell’episodio, a novembre 2008 era stato emesso nei suoi confronti un ordine di cattura. Ma da allora il tunisino si era dato alla macchia. Fino a lunedì sera quando è stato rintracciato e arrestato.

Carambola fra vetture in via Locatelli: traffico in tilt

Sullo sfondo, in salita, via Locatelli CENTRO CITTA' -- Spettacolare incidente questo pomeriggio in via Locatelli. Tre vetture e un furgone ...

Partita la sistemazione di via S.Bernardino alta

Lavori in corso in centro città, previsti disagi CENTRO CITTA' -- Sono partiti, non senza qualche mugugno dei commercianti, i lavori di risistemazione ...