iscrizionenewslettergif
Salute

Sentimenti: le mogli infelici rischiano l’infarto

Di Redazione11 marzo 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
L'armonia in famiglia è la ricetta per una buona salute

L'armonia in famiglia è la ricetta per una buona salute

BERGAMO — Vivere un matrimonio tormentato è un grosso rischio. Oltre che legale, anche medico, e soprattutto per le donne. Lo sostiene un recente studio dell’Università dello Utah, secondo cui le liti fra moglie e marito avrebbero effetti molto seri sulla salute cardiaca, in particolare delle signore.

Il segreto per tenersi in forma, dunque, non sta nella palestra sottocasa, ma in casa. La pace familiare sarebbe il primo ingrediente di una buona salute.

Secondo la ricerca americana, infatti, un matrimonio in crisi, con battibecchi e liti perenni e furibonde, equivarrebbe ai guai cardiaci portati dalla vita sedentaria. E comporterebbe gli stessi rischi di sviluppare malattie cardiovascolari che, detto per inciso, restano le prime cause di morte per entrambe i sessi.

Lo studio ha preso in considerazione trecento coppie di mezza età, sposate da almeno venti anni. I coniugi sono stati intervistati, hanno parlato del loro matrimonio, delle abitudini condivise e del loro stato emotivo.

Ebbene, i ricercatori hanno notato che a situazioni matrimoniali precarie coincidevano molto di frequente problemi cardiaci nelle donne. “I risultati della ricerca – sostengono gli esperti – dicono che gli aspetti negativi del matrimonio, come liti frequenti e disaccordi, sono strettamente associati all’aumento dell’incidenza della sindrome metabolica nelle donne, non negli uomini».

La brutta aria in famiglia induce dunque nelle signore una sindrome metabolica che comprende una serie di sintomi davvero preoccupanti. Fra cui sovrappeso, alto livello di colesterolo, zuccheri in abbondanza nel sangue. Tutti fattori che aumentano – e di molto – il rischio di malattie cardiache, infarti e diabete.

Inoltre, dai colloqui è emerso che i conflitti familiari inducono depressione soprattutto nel gentil sesso. “Da studi precedenti – dicono gli esperti – è noto che le donne sono più sensibili e preoccupate dai problemi di coppia rispetto agli uomini. Il risultato della nostra ricerca suggerisce qualcosa in più: ovvero che questi problemi possono mettere a rischio la loro salute”.

Il meccanismo è semplice quanto infernale. Ed è frutto della spiccata sensibilità femminile per gli argomenti del cuore. Secondo gli scienziati, le madri e le mogli tendono a prendersi troppo carico dei problemi familiari e, alla lunga, ci rimettono. I dissapori portano alla depressione. La depressione conduce alla sindrome metabolica. La sindrome compromette la salute e la frittata è fatta.

Insomma, alla fine la soluzione non pare che una, quella professata dall’origine dei tempi. Parafrasando un vecchio spot: “Far bene all’amore, fa bene alla salute”.

Calo del desiderio: cosa accade nel cervello femminile

Il calo del desiderio è spesso dovuto alla forte BERGAMO -- Gli scienziati della Stanford University hanno individuato le aree del cervello femminile responsabili ...

Mente: l’anzianità comincia a 27 anni

Sorprese a non finire dalle ricerche sulla psiche BERGAMO -- Sembrerà strano, ma l'anzianità mentale comincia a 27 anni. Lo sostengono gli studi ...