iscrizionenewslettergif
Bergamo

Piano Sace: spunta un parcheggio sotterraneo per lo stadio

Di Redazione20 febbraio 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
327829908

Nella simulazione, le torri che verranno costruite nell'ex area Sace (foto associazionelaurora.myblog.it)

CONCA FIORITA — Nuovo colpo di scena nella vicenda delle torri dell’ex Sace: “Nella costruzione del nuovo insediamento in Conca Fiorita è previsto anche un parcheggio sotterraneo utilizzabile per lo Stadio”. Lo ha detto l’avvocato dell’associazione Il mosaico Massimo Manganiello, durante un incontro con i residenti il 31 gennaio scorso a Valtesse, citando una relazione tecnica in suo possesso. E facendo restare a bocca aperta gli abitanti della zona che non hanno ancora sotterrato l’ascia di guerra con l’amministrazione comunale per il discusso progetto, anzi a dicembre hanno presentato ricorso al Tar di Brescia.

La battaglia, financo legale, dunque è tutt’altro che conclusa. Nonostante il consiglio comunale abbia dato il via libera al progetto, i residenti e le associazioni il Mosaico e l’Aurora non demordono. E oltre a ricorrere al tribunale amministrativo per la mancata valutazione ambientale strategica (la cosiddetta Vas), nei giorni scorsi hanno presentato a Palazzo Frizzoni ben 86 osservazioni sottoscritte da 500 cittadini, destinate ad allungare, almeno per un po’, l’iter del progetto.

Nei documenti, i residenti chiedono al Comune la revoca del piano integrato d’intervento “perché peggiora la qualità di vita dei cittadini, e concede all’immobiliarista benefici volumetrici esagerati rispetto alle previsioni del piano regolatore generale”.

Nel mirino, dunque, prima di tutto la speculazione edilizia in atto. “Il piano regolatore Secchi – spiega l’ex assessore all’urbanistica e oggi presidente dell’Aurora Luigi Nappo – diceva che in questa zona potevano essere costruite palazzine da 4 piani, 12 metri al massimo d’altezza, e 52mila metri cubi di volumi. Qui invece si fanno palazzi da 10 più due piani, il 250 per cento delle altezze e l’80 per cento in più delle volumetrie. E’ evidente che il piano regolatore non è rispettato”.

Secondo residenti e associazioni il Piano d’intervento integrato messo in campo dal Comune avrebbe stravolto le indicazioni del piano regolatore generale nell’interesse dei privati e non in quello dei cittadini che vivono nella zona. “Sull’area della ex Sace verranno realizzati 91mila metri cubi di volumetrie. A fronte di 3,6 milioni di euro che verserà per il campo Utili, l’immobiliare proprietaria dell’area, la Conca Fiorita Srl, incasserà 6 volte tanto”.

E i cocci sono dei residenti della Conca Fiorita che con questo insediamento vedranno aumentare di almeno 1000 persone la popolazione di un quartiere già congestionato dal traffico, stretto nella morsa dello stadio e di via Baioni, la principale arteria d’ingresso alla città da nord.

Il timore di un tilt della circolazione è concreto. Come è concreta l’ipotesi che una parte dei parcheggi sotterranei della nuova struttura finiscano per servire lo stadio, con buona pace della tranquillità della domenica sera.

Timori anche per l’attuale campo Utili. “Con questo progetto la superficie di 48mila metri quadrati del campo verrà abbassata di un metro e mezzo – dice l’ex assessore allo sport Gianfranco Baraldi (Forza Italia) – mentre la disponibilità di spazi verrà ridotta a quattro campetti. insomma vogliono fare diventare il campo utili il giardino privato degli appartamenti ex Sace”.

Se poi aggiungiamo che il Comune nell’area della ex Sace ha concesso anche la possibilità di costruire una chiesa ortodossa (rumeni, bulgari, ucraini e est europeo) la frittata è fatta.

L’amministrazione comunale ha tempo fino al 17 aprile per rispondere a tutte le osservazioni presentate. Poi toccherà alla elezioni. Il nuovo sindaco si troverà sul tavolo la patata bollente. E, forse, sarebbe meglio per tutti se oltre alle carte usasse il buonsenso.

Errore di procedura: scarcerato trafficante internazionale di droga

tribunale CENTRO CITTA' -- Un errore di procedura del tribunale, e gli enormi sforzi di carabinieri, ...

Violentò ragazzina: rumeno condannato a 6 anni

Un arresto effettuato dai carabinieri BOCCALEONE -- Sei anni di reclusione. E' questa la condanna inflitta dal giudice dell'udienza preliminare ...