iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Economia

Regione: bonus da 1500 euro per le famiglie numerose

Di Redazione10 febbraio 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il Pirellone, sede della Regione Lombardia

Il Pirellone, sede della Regione Lombardia

BERGAMO — Quest’anno le famiglie a basso reddito con tre figli minorenni a carico potranno beneficiare di un bonus regionale di 1500 euro, che verrà corrisposto in tre rate di 500 euro con cadenza quadrimestrale.

Le famiglie possono fare richiesta del bonus presentando domanda agli sportelli appositamente predisposti nei distretti delle Asl dal 15 febbraio al 13 marzo 2009.

Spetterà dunque alle ASL la raccolta delle domande, la verifica dell’ammissibilità, la predisposizione delle graduatorie, e l’erogazione dei contributi. A partire dal 16 marzo, sarà sempre l’Asl a comunicare alle famiglie idonee l’assegnazione del contributo.

Il provvedimento arriva su proposta dell’assessore alla Famiglia Giulio Boscagli, la Giunta regionale ha deciso un primo stanziamento di 20 milioni di euro destinati al “Buono Famiglia” per il 2009. “Si tratta di una misura eccezionale – ha spiegato il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, illustrando il provvedimento – a favore delle famiglie per aiutarle ad affrontare una situazione economica che si prospetta più difficile di quella degli anni passati”.

Possono richiedere il bonus le famiglie con almeno 3 figli minorenni, uno dei quali deve avere meno di 6 anni. Il genitore che vuole ottenere il “Buono famiglia” devono avere un Isr (Indicatore della Situazione Reddituale), riferito ai redditi percepiti da tutti i componenti della famiglia nel 2007, non superiore a 10mila euro. Il calcolo dell’Isr viene fatto tenendo conto del numero dei componenti della famiglia, del reddito complessivo e di altre caratteristiche.

Una volta ottenuti, i 1500 euro saranno accreditato sul conto corrente bancario o bancario della famiglia beneficiaria in tre rate quadrimestrali da 500 euro ciascuna. Mentre chi non possiede conto corrente, potrà ricevere l’importo tramite vaglia postale. La prima rata sarà corrisposta a fine aprile, mentre le altre due a fine agosto e dicembre.

Occupazione: persi 5800 posti di lavoro lo scorso anno

duro-lavoro BERGAMO -- I dati resi noti dalla Provincia parlano chiaro: la crisi economica si sta ...

L’Antitrust multa Tim e Vodafone. Ma alla fine chi paga?

vodafone1Cinquecentomila euro di multa a testa per non aver informato correttamente sugli aumenti tariffari unilaterali ...