iscrizionenewslettergif
Bergamo

Clandestini aggrediscono agenti della Polizia locale

Di Redazione30 gennaio 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
pattugli

Una volante della Polizia intervenuta alla stazione

BERGAMO — Una scena da far west, molto lontana dalla tranquillità a cui era abituata la nostra città fino a qualche anno fa. Ebbene, accade che giovedì scorso, intorno alle 23.30, una pattuglia della polizia locale in servizio alla stazione dei treni debba intervenire per sedare una rissa fra nordafricani ubriachi nel vicino piazzale Marconi. E per giunta gli agenti vengano letteralmente aggrediti. 

Calci e pugni a profusione. Tanto che gli agenti hanno dovuto richiedere l’intervento di un’ulteriore pattuglia e di una volante della Polizia di Stato. Ma nono è finita. Mentre un agente della polizia locale veniva portato in ospedale per medicare una contusione alla gamba procurata nello scontro, i tre nordafricani – tutti clandestini – venivano portato al comando di via Coghetti per accertamenti.

Qui, anziché calmarsi, i nordafricani hanno preso a calci porte e scrivanie. E così due di loro sono finiti in arresto con accuse molto pesanti: violazione delle norme sull’immigrazione, resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e false generalità.

Gli arrestati sono due tunisini di 23 e 24 anni, il secondo sbarcato a Lampedusa l’anno scorso. Per bloccarli, sono stati rinchiusi in cella di sicurezza. Il terzo, anche lui tunisino, in via Coghetti, invece si era placato: è stato denunciato a piede libero. Tutti saranno processati per direttissima sabato mattina. Ora, la domanda ai buonisti e ai profeti di tolleranza è una sola: erano qui per lavorare questi, vero?

Il parcheggio della Fara arriva al ministero

CITTA' ALTA -- Il ministero dei Beni culturali ha ricevuto la richiesta formale dell'Udeur di ...

Romeni tentano furto “fantozziano” all’Esselunga

p1012107-copia CARNOVALI -- La cronaca di questi anni ha insegnato a non stupirsi più di nulla. ...