iscrizionenewslettergif
Salute

Allarme: torna il morbillo in tutta Europa

Di Redazione8 gennaio 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il virus del morbillo al microscopio

Il virus del morbillo

LONDRA, Gran Bretagna — Ce n’eravamo quasi dimenticati. Quella malattia dai puntini rossi fatta in infanzia, sembrava essere quasi debellata. E invece no: il morbillo si riaffaccia con veemenza sullo scenario europeo. Secondo studi recenti, i casi d’infezione si sono moltiplicati a dismisura nel solo 2008. E i medici annunciano una drastica ripresa del contagio.

Lo testimonia uno studio pubblicato dalla rivista medica britannica «The Lancet» che mette in discussione la possibilità d’arrivare in tempi brevi all’eliminazione dell’infezione dall’Europa. Secondo i ricercatori guidati da Mark Muscat del Dipartimento di epidemiologia di Copenhagen la situazione sul continente infatti sarebbe molto peggiorata.

I dati raccolti in 27 paesi UE e in Croazia, Islanda, Norvegia, Svizzera e Turchia sono preoccupanti. Oltre 12mila i casi di morbillo registrati nell’ultimo biennio 2006/2007. L’ottantacinque per cento dei quali in Italia, Germania, Romania, Gran Bretagna e Svizzera. Mentre dei sette casi risultati mortali, uno è avvenuto in Italia.

Metà delle infezioni sarebbe originata da paesi dell’Unione. Mentre il 20 per cento sarebbe stato introdotto dall’Asia. In molte nazioni la ripresa dell’infezione sarebbe dovuta alla mancata copertura totale delle vaccinazioni tra i bambini, scrive lo studio «Measles in Europe: an epidemiological assessment».

L’obiettivo dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) è arrivare all’eradicazione totale della malattia in Europa entro il 2010. Per arrivare a questi risultati raccomanda la vaccinazione antimorbillo per almeno il 95 per cento dei bambini di ciascuno paese.

E’ necessario, perchè il morbillo può dare luogo a complicanze anche gravi. Si va dalle otiti alle polmoniti fino alle encefaliti. Complicanze che possono essere più frequenti se la malattia colpisce un soggetto in età adulta. Secondo lo studio un quinto dei casi registrati riguarda persone con più di 20 anni. Mentre stando ai dati forniti dall’Oms ogni giorno muoiono nel mondo 540 persone per cause legate al morbillo. La maggior parte di loro ha meno di cinque anni.

Allarme per i super-batteri

I batteri resistono anche agli antibiotici UPPSALA -- E' allarme nel mondo della medicina per la rapidità con cui i batteri ...

Le nascite non dipendono dalla Luna

E chi l'ha detto che la scienza ha sempre ragione? BERLINO, Germania -- E' vero: quando si attende l'arrivo di un bambino, si ricorre davvero ...