iscrizionenewslettergif
Editoriali

Doni testimonial fair-play: ma ci faccia il piacere…

Di Redazione9 dicembre 2008 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Doni protesta per un fallo non fischiato

Un polemico Cristiano Doni

BERGAMO — Nella vita c’è un limite a tutto. Quindi lasciatemi dire che la scelta di Cristiano Doni come testimonial del progetto Fair play della Provincia è quantomeno inopportuna.

Nulla da eccepire sulle qualità tecniche del giocatore. Anzi, talune giocate del capitano atalantino meriterebbero considerazione ben oltre i confini bergamaschi, a livello nazionale. Ma quando si parla di fair play, Doni davvero non sembra il più adatto a testimoniare comportamenti ispirati alla benevolenza.

Il nerazzurro è noto in tutti gli stadi d’Italia per la sua irascibilità e per la scarsa capacità di controllo sui nervi suoi e degli altri. Numerose sono state le sue espulsioni per proteste o insulti nei confronti di giocatori e arbitri. Altrettanto note sono le sue intemperanze verbali.

Frutto di grinta, direte. Può darsi. Ma da qui a farne un esempio di garbo e lealtà sul campo ce ne corre. Sì perché il progetto Fair play – foraggiato con denaro pubblico – è stato avallato dalla Provincia (con il presidente Bettoni presente e sorridente) con «l’obiettivo di proporre ai giovani un modello di tifo corretto e di partecipazione leale agli eventi sportivi”.

Forse qualche amministratore locale ci ha presi per pecoroni, disposti a ingoiare tutto. Ma la scelta di Doni, diciamolo, è una contraddizione in termini, uno scivolone, un insulto all’intelligenza delle persone e alla realtà dei fatti. Se n’è reso conto persino il giocatore, che ha avuto parole di stupore e imbarazzo che gli fanno onore.

Ora, va bene che Doni è nel cuore dei tifosi. Va bene che in molti stanno cercando di spianargli la strada per un dopo-carriera da personaggio pubblico. Va bene anche che farsi fotografare con i calciatori giovi ai politici. Ma fare del capitano nerazzurro un esempio di sportività in campo è come chiedere a Zidane di fare da testimonial a un’azienda di caschi. O, per metterla in politica, come dare a Stalin il Nobel per la pace. Ma ci facciano il piacere!

Toh, dopo cinquant’anni il sottopasso della Stazione

Il sottopassaggio della stazioneL'abbiamo atteso per 50 anni. Ora l'amministrazione Bruni ha portato a termine il sottopasso della ...

L’Atalanta le spara grosse, ma l’Inter è sempre l’Inter

ibrahimovic_5_1024x768 BERGAMO -- Sperare vabbè. Ma spararle in questa maniera, francamente, è sintomo di un nervosismo ...