iscrizionenewslettergif
Cultura

Leonardo Da Vinci verrà riesumato

Di Redazione27 marzo 2008 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
L'autoritratto di Leonardo Da Vinci

L'autoritratto Leonardo Da Vinci

FIRENZE — La salma di Leonardo potrebbe essere riesumata per motivi scientifici. E’ questa almeno la richiesta di un equipe di scienziati italiani. Scopo dell’operazione: l’analisi del Dna del genio rinascimentale e la sua ricostruzione facciale.

Le trattative per accedere al corpop di Leonardo da Vinci sono a buon punto. Manca solo il permesso dell’attuale proprietario del castello fiorentino nelle cui cripte sarebbero custoditi i resti del genio del Rinascimento.

L’ equipe di studiosi che si occuperà del corpo di Leonardo è guidata da Silvano Vincenti (presidente del Comitato nazionale per la valorizzazione dei beni storici e ambientali) e dall’antropologo dell’Università di Pisa Francesco Mallegni.

Intanto, in Toscana, dilaga la “mania” delle riesumazioni. Gli esperti che vorrebbero riesumare i grandi personaggi della storia sono sempre più numerosi tra Pisa e il capoluogo toscano. Tanto che ormai vengono chiamati, in maniera quasi dispregiativa, “tombaroli”.

Mallegni, ovviamente, respinge questa accusa e parla di esigenze della scienza. Secondo il famoso antropologo tutte le dispute che divampano sulle esumazioni eccellenti sono fuori luogo e in malafede. “Dopo l’Illuminismo, dopo tutti i progressi fatti dalla ricerca scientifica, mi pare impossibile che le indagini più tecnologiche debbano fermarsi di fronte a certi scrupoli”, ha detto lo scienziato.

Sulla sua testa tuttavia sono piovute accuse infamanti, a cui l’antropologo ha sbottato: “Se ti azzardi a replicare che uno gli scavi li fa per assicurare ai reperti una conservazione migliore – ha detto – il minimo che ti dicono è necrofilo”.

La polemica sul riposo dei “Grandi Morti” infuria da mesi nelle due città toscane. Ma gli scienziati ribattono che le loro ricerche scientifiche non toccano l’anima ma le spoglie. Sono due cose diverse. il fenomeno tuttavia è presente anche in altre parti d’Italia. L’ultima disputa finita sui giornali è stata quella sulla salma di Padre Pio: dibattiti accesi sono nati in Puglia tra i cappuccini, favorevoli all’esumazione, e l’associazione “Pro Padre Pio”, assolutamente contraria.

E ora, ecco la nuova diatriba che rischia di dividere gli uomini della scienza dal resto del mondo: la riesumazione di Leonardo Da Vinci. Manca solo un tassello per completare la trattativa: il permesso dell’attuale proprietario dela castello di Amboise, dove pare siano conservati i resti del grande intellettuale del Rinascimento. Anche qui però non esiste la certezza che il cadavere conservato nel castello sia davvero il suo.

Comunque, se la richiesta giungerà a buon fine, l’intenzione degli esperti è quella di effettuare l’analisi del Dna e ricostruire scientificamente il volto di Leonardo. Le stesse tenciche, applicate a Johann Sebastian Bach, hanno smentito l’iconografia ufficiale. Ma resta ancora da scoprire se la scienza riuscirà a scovare i segreti (sempre che ce ne siano) del corpo di Leonardo.

Sacra Sindone: la Bbc riapre il caso

La Sacra SindoneIl mistero della Sacra Sindone continua ad appassionare esperti e scienziati di tutto il mondo. ...

Odissea: datata la strage dei Proci

ulisseproci La strage di Proci di Ulisse sarebbe avvenuta il 16 aprile 1778 a.C. Lo ...